Consigli per vincere lo stress al lavoro

Consigli per vincere lo stress al lavoro


Consigli per vincere lo stress.  Le scadenze, i ritardi, le pressioni da parte di colleghi, superiori o clienti possono mettere duramente alla prova i nervi in ambito lavorativo. Come allora intervenire per vincere lo stress al lavoro? 

Prima di tutto c’è bisogno di distinguere tra ansia e stress. Quando siamo stressati siamo ben consapevoli di quale sia la causa del nostro stress, cos’è a preoccuparci. Quando siamo invece presi dall’ansia ci troviamo in uno stato di confusione, non è ben chiaro che cosa ci stia capitando e a diventare un problema è non solo l’ansia in sé ma come noi reagiamo all’ansia stessa. L’ansia infatti ci porta a sopravvalutare la sensazione di pericolo in cui siamo convinti di trovarci e può essere paralizzante fino a diventare una vera e propria fobia.

È bene ricordare che per alleviare lo stress, e tenere l’ansia alla larga, è fondamentale condurre uno stile di vita sano: fare sport, mangiare bene, dormire, staccare ogni tanto la testa dai pensieri lavorativi, prendersi delle vacanze rilassanti. Ma se anche questo non bastasse, per evitare che il nostro stress degeneri in qualcosa di più serio e problematico, ecco di seguito 8 consigli che ci possono aiutare per vincere lo stress al lavoro.

 

Vincere lo stress al lavoro: consigli pratici

  • Essere sempre positivi

L’ansia ci porta a credere di non essere all’altezza delle situazioni che ci troviamo ad affrontare. Ci fa sentire inadeguati, inadatti a gestire i compiti che ci sono stati affidati. Questo ci porta a proiettarci in un futuro dove abbiamo già fallito, e l’immaginarci sconfitti non fa altro che aumentare lo stato di stress e portarci ai limiti dell’ansia. Per evitare che tutto ciò avvenga è necessario essere sempre positivi. Può essere utile fermarsi a riflettere, mettere nero su bianco i problemi che ci angosciano, chiedere aiuto e consiglio per superarli al meglio. Concentratevi su un problema alla volta e trovata la soluzione gioite del vostro successo, poi passate alla problematica successiva.

  • Rilassarsi 

Sembrerà una sciocchezza, ma nei momenti di massimo stress lo yoga, la meditazione, gli esercizi di respirazione possono essere una vera manna dal cielo. Siediti, appoggia una mano sull’addome e respira a fondo, lentamente. Se con certi esercizi non ti trovi a tuo agio non disperare, a volte basta anche staccare da tutto, lasciare il cellulare a casa e perdersi in mezzo alla natura, passeggiare al mare, passare del tempo con i nostri cari. Una mente rilassata è una mente più ricettiva, attenta e capace di risolvere i problemi nel minor tempo.

  • Accettare il rischio del fallimento

Chi non fa, non sbaglia. Il cattivo rendimento sul lavoro e l’ansia spesso possono essere collegati: molte persone tendono a non volersi assumere responsabilità e a limitare da sole il proprio raggio d’azione, per paura di incorrere in eventuali errori o fallimenti.
Superare l’ergofobia è dunque la premessa per un percorso di vita e di crescita professionale appagante.

  • Organizzarsi meglio

Tenere nota dei propri compiti e redigere delle To Do List è utilissimo non solo per rispettare le scadenze, e non essere sopraffatti psicologicamente dalle incombenze, ma anche per riconoscere i problemi e assegnare le giuste priorità.

  •  Imparare a dire “No”

    Imparare a dire no, essere assertivi, può essere il tuo salvagente in più d’una occasione. Ricorda che la parola pronunciata più spesso dai grandi leader è no. Dire no significa mettere dei confini che sono indispensabili al nostro benessere. Testimonia forza, determinazione ma anche consapevolezza di se stessi e di quello che si sta facendo.

  • Ritagliarsi del tempo per se stessi

È importante ricavare dei momenti da dedicare alle proprie passioni e ai propri interessi, nonché al proprio benessere fisico. Un hobby, una partita settimanale di calcetto, una mezzora al giorno dedicata alla lettura o alla musica sono un toccasana per l’umore. E per la propria attitudine.

Il lavoro e l’amore sono le due aree di vita principali per l’adulto. Dunque, conviene impegnarsi a viverle bene, entrambe. Ma quando ansia e stress da lavoro non possono essere gestiti in autonomia è importante rivolgersi ad un professionista

 

Condividi:

ESTERO

Lascia un commento