titoli di stato

Titoli di Stato, conviene acquistarli?


I Titoli di Stato sono un’ottima opportunità per chi vuole investire i propri risparmi senza rischiare troppo . Bisogna però sapere che nell’ investimento finanziario meno si rischia e meno si guadagna. Così, se ad investire in Titoli di Stato si rischia davvero poco – è difficile, anche se non impossibile che uno stato fallisca – è altrettanto vero che non si guadagna molto. Per guadagnare di più – o meglio, per sperare di guadagnare di più – bisogna scegliere strumenti diversi dai titoli di stato, come le azioni o anche le obbligazioni emesse dalle aziende o strumenti derivati.

Titoli di Stato, cosa sono

I titoli di Stato sono obbligazioni emesse dallo Stato, e più precisamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Per finanziare le proprie attività, infatti,  non bastano le tasse. Per questo lo Stato deve emettere titoli per raccogliere le risorse necessarie.

Ci sono sei tipi di Titoli di Stato. Le differenze tra i diversi tipi dipendono da due cose: la durata e le modalità di remunerazione.
Buoni Ordinari del Tesoro (BOT): durata di 3, 6 e 12 mesi, privi di cedole, rendimento è dato dallo scarto di emissione;
Btp Italia: durata di 4, 6 o 8 anni, cedole annuali pagate ogni 6 mesi
Certificati di Credito del Tesoro (CCT): durata di 7 anni e cedole semestrali a tasso variabile;
Certificati del Tesoro Zero Coupon (CTZ): titoli della durata di 24 mesi, privi di cedole, tutto il rendimento dipende dallo scarto di emissione;

Buoni del Tesoro Poliennali (BTP): durata di 3, 5, 10, 15, 30 e 50 anni, con cedole fisse semestrali;
Buoni del Tesoro Poliennali Indicizzati all’inflazione europea (BTP€i): durata di 5 e 10 anni, il capitale e le cedole semestrali sono rivalutati in base all’andamento dell’inflazione europea.

Rendimento dei titoli di Stato

Le componenti principali del rendimento dei titoli di Stato sono due: gli interessi e il guadagno in conto capitale. Gli interessi possono essere pagati in forma di cedole o di scarto di emissione. Il guadagno in conto capitale è la differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto, quando il titolo viene acquistato e venduto sul mercato secondario. Un altro fattore importante per la valutazione di un Titolo di Stato è la certezza delle componenti del rendimento. Gli elementi certi del rendimento di un investimento in Titoli di Stato sono:
  • le cedole, quando a tasso fisso;
  • la differenza tra prezzo di acquisto o di sottoscrizione e il prezzo di rimborso, quando il titolo è tenuto fino a scadenza, e quando il prezzo di rimborso è fisso e non indicizzato.
Mentre gli elementi incerti sono:
  • le cedole, quando a tasso variabile;
  • i guadagni e le perdite derivanti dalla differenza del prezzo di acquisto o di sottoscrizione e quello di vendita sul mercato secondario se il titolo non viene portato a scadenza;
  • andamento del tasso di cambio se il titolo è denominato in valuta straniera
    Il rendimento di un qualsiasi titolo finanziario dipende da tre fattori:
  • il reddito generato;
  • il capitale investito;
  • il tempo impiegato, e cioè la durata dell’operazione. Di solito il rendimento viene espresso in termini percentuali e su base annua. …

Titoli di stato: conviene investire?

Prima di investire in BTP bisogna fare molte considerazioni, soprattutto sulle prospettive economiche e finanziarie che abbiamo per il futuro. Ogni risparmiatore dovrebbe chiedersi se sia davvero il caso di investire sui mercati finanziari. I mercati sono una prerogativa di chi ha già escluso la convenienza di usare i soldi da investire per qualsiasi altra cosa. Inoltre aver chiaro quale sia l’orizzonte dell’investimento. I BTP a lunga durata rendono di più, essendo anche più rischiosi per natura; i BTP a 3 e 5 anni rendono invece davvero poco, spesso non arrivando nemmeno a bilanciare l’inflazione. Con i BTP a lungo termine ti esponi anche di più alla possibilità di voler vendere i titoli prima della scadenza, cosa che costituisce un ulteriore rischio. Valutare anche alternative: ovvero, quali altri prodotti potrei comprare? A parità di rischio ci sia la possibilità di ottenere rendimenti maggiori, oppure se a parità di rendimento ci sia la possibilità di ridurre il rischio.

 

 

ESTERO

Lascia un commento