lavorare senza concorso nella PA

Lavorare senza concorso nella PA


Lavorare senza concorso nella PA. Secondo la Costituzione dice che agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso, salvo i casi stabiliti dalla legge (art. 97, co. 3). Questa norma costituisce la regola generale su cui si basa l’instaurazione di un rapporto di impiego con la pubblica amministrazione. Esistono però eccezioni, cioè casi in cui il rapporto di impiego non è subordinato a un concorso.

Lavorare senza concorso nella PA: ecco quando è possibile

La legge che disciplina il pubblico impiego dice che si può lavorare per la pubblica amministrazione, oltre che tramite procedure selettive (cioè concorso), anche mediante avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento per le qualifiche e profili per i quali è richiesto il solo requisito della scuola dell’obbligo, facendo salvi gli eventuali ulteriori requisiti per specifiche professionalità.

Ancora, sempre secondo la legge, le assunzioni obbligatorie da parte delle amministrazioni pubbliche, aziende ed enti pubblici dei soggetti disabili appartenenti alle categorie protette avvengono per chiamata numerica degli iscritti nelle liste di collocamento, previa verifica della compatibilità della invalidità con le mansioni da svolgere.

Per il coniuge superstite e per i figli del personale delle Forze armate, delle Forze dell’ordine, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e del personale della Polizia municipale deceduto nell’ espletamento del servizio, nonché delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, le assunzioni avvengono per chiamata diretta nominativa.

 Iscrizione al centro per l’impiego

Le persone interessate a partecipare alle selezioni tramite il Centro per l’impiego devono iscriversi alle apposite liste . I requisiti per potersi iscrivere sono i seguenti:

  • avere assolto l’obbligo scolastico;
  • essere maggiorenni;
  • possedere i requisiti per accedere al pubblico impiego.

Per chiamata diretta

Si può lavorare senza concorso nella pubblica amministrazione nelle ipotesi di chiamata numerica per le assunzioni obbligatorie delle persone che fanno parte delle cosiddette categorie protette (persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo): in questa circostanza, le amministrazioni e gli enti pubblici procedono per chiamata numerica degli iscritti nelle liste di collocamento, previa verifica della compatibilità dell’invalidità con le mansioni da svolgere.

Assunzione per chiamata nominativa

Ancora, si può lavorare senza concorso nella pubblica amministrazione nei casi di chiamata diretta nominativa, che riguarda l’assunzione di coniuge e figli del personale di forze armate, forze dell’ordine, corpo nazionale dei vigili del fuoco e personale della polizia locale deceduto nell’espletamento del servizio, nonché delle vittime di terrorismo e criminalità organizzata

ESTERO

Lascia un commento