Le 10 città italiane dove c'è più richiesta di lavoro

Le 10 città italiane dove c’è più richiesta di lavoro


Le 10 città italiane dove c’è più richiesta di lavoro? Domanda alquanto legittima per chi è in cerca di occupazione. E’ chiaro che dipende anche dalla qualifica professionale, dall’istruzione e dal bagaglio di esperienze che ognuno di noi ha in possesso. In generale, però, esistono città dove vi è più richiesta di lavoro rispetto alle altre. Guardando  all’ultimo  rapporto Bes dell’Istat , in Italia, esiste e permane una forbice abbastanza ampia tra le città del Sud e quello del centro-nord. Soprattutto in termini di occupazione femminile. Dato esemplificativo è che nella provincia di Firenze il divario è di circa 9 punti (71,6% gli uomini, 62% le donne), in provincia di Barletta si superano i trenta punti (55,9% gli uomini, 24,3% le donne).

Le 10 città italiane dove c’è più richiesta di lavoro

Secondo le ultime ricerche registrate dall’Istat la città dove vi maggiore richieste di lavoro è Milano. E’ nel capoluogo lombardo dove si concentra il maggior numero di ricerche di figure professionali relativi a profili commerciali, nell’assistenza clienti, call center e marketing, nell’IT e nei sistemi informativi e nella finanza, credito e bancheAl secondo posto c’è Roma, dove la gran parte delle offerte riguarda figure commerciali e delle vendite, dell’Information Technology e della finanza, credito e banche. A occupare invece la terza posizione è  Bergamo. Nel città lombarda si ha possibilità di impiego soprattutto nella manutenzione, nella produzione e nella ricerca e sviluppo e nell’area tecnica. Elevato il numero di selezioni anche a Monza e nella Brianza e nella provincia di Firenze dove il maggior numero di nuove posizioni si concentra invece nella produzione e nel commerciale e nelle vendite.

Nella speciale classifica delle 10 città dove c’è più richiesta di lavoro troviamo Torino, Treviso, Padova, Bologna, Brescia, Verona. Alla prima posizione tra le province del Mezzogiorno, c’è invece Napoli, poi BariSalernoL’Aquila , Taranto  e Cagliari.

Sguardo al futuro: le professioni più richieste nei prossimi anni

Unioncamere (Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura) ha fatto una ricerca su quali sono e quali saranno le professioni più richieste in futuro. In cima alla lista troviamo insegnanti di italiano per stranieri, babysitter e badanti. Secondo Unioncamere poi le aziende cercheranno in particolare le seguenti figure professionali:

  • tecnici di apparecchiature ottiche e audio-video
  • tecnici dei servizi culturali
  • infermieri
  • fisioterapisti
  • tecnici sanitari
  • ingegneri
  • addetti alle transazioni finanziarie
  • impiegati addetti alle macchine d’ ufficio
  • addetti alle vendite
Condividi:

ESTERO

Lascia un commento