Assegno Sociale di 450 euro al mese per le famiglie in difficoltà


INPS:erogazioni di Assegni Sociali di circa 450 euro al mese per tutte le famiglie che sono in gravi condizioni economiche.

L’Assegno Sociale, una prestazione che viene riconosciuta dall’Inps, è destinato a coloro che sono in grave condizioni di disagio economico. Non è altro che una prestazione che assiste le famiglie che hanno difficoltà ad arrivare a fine mese. L’assegno viene erogato dall’Inps ed è a quest’ente a cui bisogna inoltrare la domanda per poter riceverlo.

In ogni caso è un sostentamento che viene ad essere un diritto per le persone che si trovano ogni giorno ad affrontare condizioni economiche non delle migliori. E per questo motivo per poterlo ottenere è comunque necessario presentare documenti relativi al proprio reddito o a quello familiare.

L’assegno sociale è noto come pensione sociale. Per poterlo richiedere all’Inps, è necessario:
– Avere un’età minima di 65 anni e 7 mesi;
– Essere in possesso della cittadinanza italiana.

Inoltre, come requisito fondamentale è quello di rientrare a far parte di determinate fasce di reddito indicati dalla legge.
Ovvero, possono presentare la domanda per poter beneficiare dell’assegno sociale, tutti i cittadini che:
– Hanno reddito non superiore a 5.824,91 euro annui se non coniugati;
– Hanno reddito non superiore a 11.649,82 euro se coniugati.

Questo assegno risulta essere quindi soggetto a controlli reddituali che vengono effettuati ogni anno. Infatti si tratta di un qualcosa di provvisorio, dal momento che variazioni di reddito annuale, che superano le soglie appena citate, scatenano l’immediata sospensione dell’erogazione.

La pensione sociale potrà essere erogate per un periodo di 13 mesi.

La domanda per l’assegno 2018 deve essere presentata on-line, attraverso una delle seguenti modalità.

La prima è mediante il sito INPS, la seconda è mediante il contact center oppure patronati INPS.

La domanda dovrà possedere l’autocertificazione dei dati personali, documento che attesti la situazione del reddito attuale, oltre che la dichiarazione di responsabilità riguardo un eventuale ricovero effettuato presso un istituto con una spesa a carico dello Stato.

Infine vi ricordiamo che se la domanda viene respinta, avete diritto al ricorso entro 90 giorni dalla data di ricezione della respinsione.

Qui potrete trovare tutti gli altri dettagli e quindi effettuare la domanda per ricevere il bonus.

Assegno Sociale

Registrati a Cliccajob

Condividi:

BONUS, ITALIA

3 commenti su “Assegno Sociale di 450 euro al mese per le famiglie in difficoltà

  1. Elena Maria De Maio on Reply

    Assegno per difficolta’ economiche solo per chi ha 65 anni e 7 mesi. Chi invece ne ha 50 ma con disabilita’ al 91%, con difficolta’ economiche, single con un’ISEE che non supera la soglia viene tagliato fuori….perdonatemi ma esiste una fascia che non e’ assolutamente tutelata, pensate forse che un assegno di 507,00 euro sia sufficiente a pagare mutuo, bollette, spesa………..non so fate le vostre conclusioni! Grazie, Namaste’!

  2. maria on Reply

    La storia della previdenza italiana inizia nel lontano 1898 quando venne fondata la Cassa nazionale di previdenza per l’invalidità e la vecchiaia degli operai: si trattava di un’assicurazione volontaria integrata da un contributo di incoraggiamento dello Stato e dal contributo, anch’esso libero, degli imprenditori. Solo nel 1919 si compie il primo passo verso un sistema che intende proteggere il lavoratore da tutti gli eventi che possono intaccare il reddito individuale e familiare: l’assicurazione per l’invalidità e la vecchiaia diventa obbligatoria e interessa 12 milioni di lavoratori. Ancora nel 1939 sono istituite le assicurazioni contro la disoccupazione, la tubercolosi e per gli assegni familiari; vengono introdotte le integrazioni salariali per i lavoratori sospesi o ad orario ridotto; il limite di età per il conseguimento della pensione di vecchiaia è stabilito a 60 anni per gli uomini e a 55 per le donne; viene istituita la pensione di reversibilità a favore dei superstiti dell’assicurato e del pensionato.

Lascia un commento